La crema al burro è una preparazione storica della pasticceria mondiale, da sempre con un ruolo da protagonista per la sua ottima conservabilità degli alimenti. Oggi, però, il suo utilizzo è cambiato.

Cominciamo dal principio. La crema al burro è una crema composta da pochi ingredienti: burro e zucchero, con l’aggiunta di differenti aromi possibili, dalle spezie come la vaniglia ai liquori. Il suo alto contenuto di grassi favorisce una lunga conservazione, pertanto era impiegato principalmente per conservare gli alimenti, a discapito della leggerezza.

Le tecnologie alimentari odierne, però, hanno permesso di ottenere risultati identici o migliori senza ricorrere a quell’elevato contenuto di grassi, così la crema al burro è stata rimpiazzata quasi totalmente.

Potresti pormi una domanda: “perché dovrei utilizzare la crema al burro?”

La risposta è nel nuovo ruolo che ha assunto nella cucina moderna.

Un passo indietro. La crema al burro è molto pesante, proprio per l’alto contenuto di grassi, tanto che la densità media è poco meno del doppio delle Creme Sì (che seguono il modello qualità-salute) con i circa 300 kcal/hg contro le 150 kcal/hg di queste ultime. Insomma, non è un prodotto che si può consumare quotidianamente.

Se, dunque, la crema al burro ha perso la sua funzione strettamente alimentare, dobbiamo considerare la sua altra proprietà importante: la compattezza. Per questa motivazione la crema al burro è oggi un elemento decorativo fondamentale nel cake design.

crema al burro bianca con spatola

La Crema al Burro nel Cake Design

La crema al burro è oggi definibile come una preparazione insostituibile nel Cake Design.

Programmi come il “Boss delle Torte”, divenuti ormai cult anche in Italia, hanno dato il via alle creatività più sfrenate per la realizzazione di dolci, sia come richieste in pasticceria che per dolci casalinghi.

Dolci particolarmente instabili che necessitano di compattezza, richiedono l’impiego della crema al burro.

Due degli impieghi più frequenti della crema al burro nel cake design sono le torte nuziali e i cupcakes.

Le prime sono prodotti di alta pasticceria, che prevedono l’impiego di crema al burro per mantenere solide torte a due piani o particolarmente fantasiose che altrimenti rischierebbero di sfaldarsi.

I cupcakes, invece, sono dolci sempre più spesso fatti in casa e anche su di essi l’applicazione della crema al burro come topping è una scelta particolarmente frequente.

Ti dirò che è un argomento che mi affascina, perché trovo veramente interessante osservare come il mondo della cucina si evolva e così anche il ruolo dei suoi stessi prodotti.

torta con decorazioni di crema al burro

 

Ricetta della crema al burro

Sei alla ricerca di una ricetta della crema al burro? Ce ne sono molte. Alcune ricette inseriscono anche gli albumi.

Per una crema al burro semplice e professionale ti basteranno pochi ingredienti di qualità: burro, zucchero a velo, estratto di vaniglia, un goccio di latte se serve e naturalmente i coloranti che vorrai.

Dicevo ingredienti di qualità: la scelta del burro è fondamentale, cerca di acquistare burro con un’alta percentuale di grassi. Una volta fatto ammorbidire e lavorato in planetaria non ti resta che aggiungere lo zucchero a velo setacciato. Continua a lavorare per qualche minuto. Aggiungi l’estratto di vaniglia e il latte se la consistenza è troppo dura. A questo punto non ti resta che colorare la crema al burro colorata dei colori che preferisci e decorare i tuoi cupcakes o le tue torte.

Le quantità? Ti basterà per ogni quantità di burro usare il doppio di zucchero a velo.

Tu l’hai mai preparata la crema al burro? Se sì, aspetto le tue foto!

cupcakes con frosting di crema al burro colorata